Cafimar Servizi Marittimi Spa
Via S. Brigida, 39

80133 Napoli

Presidente: Dott. Giorgio Cianni

Membri: Avv. Gianluigi Piscitelli; Dott. ssa Maria Angelone

Mail ordinaria: odvcafimarsm@cafimar.com

Mail Pec: odvcafimarservizimarittimispa@pec.it

download codice etico

DOWNLOAD MOD. 231/01

Rimorchiatori Laziali Spa
Via S. Brigida, 39

80133 Napoli

Presidente: Dott. Giorgio Cianni

Membri: Avv. Raffaele Viscovo; Dott. ssa Maria Angelone

Mail ordinaria: odvrimorchiatori@cafimar.com

Mail Pec: odvrimorchiatorilazialispa@pec.it

 

download codice etico

DOWNLOAD MOD. 231/01

Somat Spa
Via Spalti, 83

91100 Trapani

Presidente: Dott. Giorgio Cianni

Membri: DOTT. MAURO SECCHI; Dott.ssa Ada D'Urso

Mail ordinaria: odvsomat@cafimar.com

Mail Pec: odvsomatspa@pec.it

download codice etico

DOWNLOAD MOD. 231/01

COMPANY POLICY

Organization chart

Modello Organizzativo del Gruppo Cafimar ai sensi del D. lgs. 231/01.

Il Gruppo Cafimar al fine di recepire pienamente le indicazioni previste dal D.lgs. 231/01 e tutelare tutte le società facenti parte del Gruppo dalla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, introdotta in Italia dal D.lgs. 231/01, si è dotato di un Modello Organizzativo di gestione e controllo (di seguito il “Modello 231”) atto alla prevenzione della commissione di reati da parte dei propri dipendenti, collaboratori ed amministratori.
Al fine di agevolare la comprensione dell’utilizzo del Modello 231 adottato, quale strumento operativo, si provvede di seguito a dare una breve descrizione di cosa prevede la normativa indicata e di cosa comporti per una società costruire un sistema esimente dalla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche.

COSA E’ Il D. lgs. 231/01

Il D.lgs. 231/2001 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento giuridico il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per specifiche tipologie di reato commesse da amministratori e dipendenti delle Aziende. Oggi anche le persone giuridiche, quali le aziende, sono soggette a responsabilità penale per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato.
Il Decreto prevede, infatti, a carico dell'impresa, una responsabilità amministrativa che si concretizza però attraverso sanzioni rilevanti per la sopravvivenza dell’impresa sul mercato, come  l’applicazione di un’ammenda fino ad un milione di euro, l’interdizione e la sospensione dell’attività, il divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione, l’esclusione da contributi, il divieto di pubblicità, la confisca dei ricavi e la pubblicazione della sentenza sfavorevole.
Il Decreto offre come unica chance esimente la possibilità per le imprese di dotarsi di un Modello Organizzativo in grado di prevenire la commissione di reati; tale scelta o elimina il rischio o, comunque, ne riduce la gravità sanzionatoria.

I passi principali per la realizzazione di un efficace “Modello 231” e, quindi, per tutelarsi a fronte di una responsabilità penale amministrativa d’impresa, possono così sintetizzarsi: individuazione dei processi a rischio, dei rischi potenziali e delle condizioni per la commissione di reati nell'interesse o a vantaggio dell'ente, definizione delle responsabilità e delle attività finalizzate alla appropriata gestione delle attività, costruzione di una mappa delle figure apicali, costruzione e diffusione a tutti i livelli di un Codice Etico, definizione e applicazione di un adeguato regime sanzionatorio, istituzione di un Organismo di Vigilanza (di seguito “ODV”), puntuale valutazione dei rischi aziendali e delle azioni finalizzate a contenere i rischi di commissione dei reati ad un livello accettabile (l’accettabilità del livello di rischio si concretizza, infatti, nella verifica che la fattispecie di reato possa essere realizzata solo aggirando in maniera fraudolenta il sistema di controllo).

Al fine di realizzare questi adempimenti si è provveduto a redigere il Codice Etico aziendale che tutti i Dipendenti, Amministratori ed altri portatori d’interesse sono tenuti a rispettare. Detto Codice Etico, oltre ad essere affisso nelle bacheche aziendali, è pubblicato nella seguente sezione unitamente al Modello 231, di cui il Codice Etico è parte integrante, al Regolamento dell’ODV ed all’elenco delle figure apicali.​